Palermo, una settimana di iniziative per l’anniversario dell’uccisione di don Puglisi

PALERMO – Il XIX anniversario dell’uccisione di Padre Pino Puglisi assume un significato ancora più intenso dopo il recente annuncio della beatificazione da parte del Sommo Pontefice, Papa Benedetto XVI, il 28 giugno 2012.

Le iniziative sono promosse dal Centro Padre Nostro e dalla parrocchia San Gaetano di Brancaccio.

Secondo il calendario delle manifestazioni oggi alle 18  presso l’auditorium comunale “G. Di Matteo” si svolgerà il concerto ‘ un arcobaleno di note’ a cura dell’Ensemble di Musica da Camera “Pagliacci”; oggi l’Orchestra Sinfonica Siciliana si esibirà presso la Casa Circondariale Pagliarelli di Palermo, mentre la compagnia teatrale “A Sicilia in the world” si esibirà presso l’Istituto Penitenziario Ucciardone di Palermo;

Il 13 settembre si svolgeranno attività ludico-ricreative e tornei sportivi presso il Centro Polivalente Sportivo “Padre Pino Puglisi & Padre Massimiliano Kolbe” a Brancaccio.
Di sera ci sarà invece la veglia di preghiera a cura di don Luigi Verdi della Comunità di Romena (Pratovecchio) a piazzale Anita Garibaldi, luogo dove venne assassinato don Pino;

il 14 settembre alle ore 10 e alle ore 21 il presidente, Antonio Tomaselli, e il Consiglio della Seconda Circoscrizione ricorderanno padre Puglisi rispettivamente nella sede del Consiglio e al Centro Polivalente Sportivo, in occasione del torneo di calcetto;

il 15 settembre, infine, le manifestazioni saranno concluse dal corteo verso la tomba di don Pino al cimitero S. Orsola di Palermo e dalla Santa Messa in Cattedrale alle ore 18 presieduta dal cardinale  Paolo Romeo, Arcivescovo di Palermo, e concelebrata da mons. Luciano Giovannetti, vescovo emerito di Fiesole e presidente della Fondazione Giovanni Paolo II, da anni vicino alla causa del Centro di Accoglienza Padre Nostro.

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.