Libera: “Di corsa” tra i beni confiscati

ROMA – Più di duemila ragazzi delle scuole medie, quest’anno, in 5 regioni italiane, hanno corso gli 800 metri tra i beni confiscati alla mafia.

È l’esperienza dei partecipanti al progetto “Libera la natura”, illustrato oggi da Lucilla Andreucci, ex atleta e ora aderente all’associazione “Libera”, nel corso del convegno “SportivaMente”.

L’agonismo ti isola, ma lo sport deve aggregare”, ha detto l’esperta, che a partire dalla sua lunga esperienza agonistica ha testimoniato come “la sconfitta ti insegna più della vittoria, perché quando perdi ti fermi a riflettere, mentre quando vinci sei come anestetizzata”.

A soffermarsi sul parallelismo tra “regole dello sport” e “regole della vita” è stato Roberto De Benedittis, sottolineando che il progetto “Regoliamoci”, promosso da Libera per educare alla legalità nelle scuole, quest’anno sarà imperniato proprio sull’attività sportiva.


Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.