Progetto Colors: L’integrazione che nasce dallo sport

ROMA – Circa 700 bambini di più di 27 etnie, il 60% dei quali rom e il 40% italiani.

Sono i numeri del progetto “Colors” per “allontanare i bambini dalle strade e favorire i processi di integrazione culturale di immigrati e non”.

Nucleo del progetto, presentato oggi durante il convegno “SportivaMente”, gruppi di minibasket per bambini socialmente svantaggiati.

Il progetto pilota – ha spiegato Valentina Vitali, a nome del presidente di “Lazio Basket”, Simone Santi, ideatore dell’iniziativa – è nato a Corviale, periferia di Roma, e nel 2010 è “sbarcato” in Mozambico, dove negli ultimi due anni la squadra locale composta dai bambini dell’orfanatrofio e delle scuole si è aggiudicata il secondo posto nel campionato locale under 15.

All’inizio i bambini africani giocavano senza scarpe”, ha raccontato Vitali non nascondendo le “difficoltà” iniziali del progetto, in cui fondamentale è stato l’apporto degli allenatori e dei volontari.

Anche i ragazzi di Corviale, all’inizio  avevano “difficoltà nell’identificarsi con il gruppo, di rispettare i compagni, di riconoscere l’autorità degli allenatori”.

Alla fine, però, sono stati proprio gli adolescenti a sconfessare i pregiudizi degli adulti: “I ragazzi rom hanno creato più integrazione degli italiani; hanno creato lo spirito di gruppo e dato una continuità agli allenamenti che non ci aspettavamo”.

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.