[TERRA NOSTRA] Carnevale nella zona del Clanio nell’Aversano. La sfilata dei mesi

Il Carnevale è una festa calendariale troppo importante nella nostra zona per farla passare sotto silenzio.
Senza dilungarmi o disquisire sul nome e significato del Carnevale preferisco riportare due ”azioni carnevalesche” che in qualche paese della zona vengono rappresentate in piazza o in qualche “luṓghe”. Mi riferisco alla “sfilata dei mesi” ed alla “canzone di Zeza”. Della prima ho raccolto due versioni, essendo essa una “azione scenica” quasi sempre mimata, cantata, verseggiata ed adattata al posto ed al momento e dall’estro del “cantautore” perciò le versioni raccolte sono diverse da paese a paese .
Quella qui riportata è quella che ha più versi in comune con le altre registrate.
Essa veniva( e viene) rappresentata e recitata nella piazza del paese da dodici “attori” (uno per mese) a cavallo con attrezzi di lavoro agricolo o prodotti della terra del mese “interpretato” ed erano preceduti da pulcinella, a dorso di un asino che presentava ogni singolo mese-attore.

Iader C. Silvana

***

I DODICI MESI

Messaggero (Pulcinella)
Ohè-ohè-ohè
Di qua di là
Di su di giù
Pè mmare e pè tterra
Jè so messaggero
Femmine, creature, viecchij e sfasulate
Ascite a ‘rint ‘e ccas
Che v’aggio rà na bbella nutizia
Ggente e ‘stu trivece e ggente e fore triricio
Ausiliate,
spilateve e rrecchie
sentite sentite una cosa novella
magnifica e bbella
vi appresento sta cumpagnia
pè ve fa sta nu poco in alleria

CAPITANO
Je sò Capitano della prima schiera
A casa mie se rompe e se sciala
Pulcinella
Aierj ‘sser te mangiasti a ciottola senza sale

CAPITANO
A ttè Pullecenè, te rccumanno
Sti dodici mesi: a si nun te puort’ bbuon
Cù chesta mia sciabbola
Sciabolar ti voglio
Ecco, t’arraccumanno gennaio il primo mese
GENNAIO
Je so Gennaio, il primo trasetore dell’anno
Songhe o cantante della prima schiera,
a’ ccasa mia se rire e se sciala,
ci manca l’uoglio, a cite e o ssale,
e pure à farina p’ fare o ppane
m’arretiro cuntent’ e felice
verite febbraio cosa vi dice

FEBBRAIO
Jo sò febbraio, curte e minore
Che specie pozz’ – fa in da ventotto giorni?
Ma si stu mese foss just’, facesse quagià o vin pe dinte e fust’
M’arritiro cuntente e felice…..verite marzo cosa vi dicembre

MARZO
Jo sò Marz’,pazzerello, cu sta mia zappella
Me mangio pizza e puorro
E fatico sempe riuno
E n’ora faccij sicco e n’ora faccio n’fuso
E n’ora s’è nchiuso
Stu puorro inta stu brutto pertuso
M’arritiro contento e felice…..verite abbrile cosa vi dice

APRILE
Jo so Abbrile, dolce dormire gli uccelli cantano e ll’albero fiorisce:
ho trapassato montagne e valloni
per trovare questi fiori
Con questi fiori ne faccio un ramaglietto
E lo dò al mio sposo Maggio
Che è il più bel giovinetto
M’arritiro contento e felice…..verite maggio cosa vi dice

MAGGIO
Jo sò Maggio, maggiore di tutti
D’oro e argient’ guarnisco a tutti
Guarnisco pur la forese
Cù paglia, fieno, e cu ttutte e spese
M’arritiro contento e felice…..verite Giugno cosa vi dice

GIUGNO
Jo sò Giugno e cu sta mia sarrecchia
Tann met quann stò in chicherchia
Aggia metuto tant’ e tantu ranu ,
che basta à mangià n’esercito romano,
Puorteco, Musicile, Marcianise,
Caturano e Casapuzzano
Inglese, Canadese e Americano
E ppure na carretta è femmine anziane
M’arritiro contento e felice…..verite Luglio cosa vi dice

LUGLIO
Jo sò luglio Ecco Nenna mia mò so venuto
Ecco Nenna mia c’à so arrivato
A voi contdine faticate
Quanne è tiemp’ asciutt’
Che quanne choive se perde à spesa
M’arritiro contento e felice…..verite Agosto cosa vi dice

AGOSTO
Jo sò Agosto cu stu mio lavativo
N’ capo ce porto n’fermeria
È venuto nu miereche a Napoli apposta
E m’ha fatt’ n’à bella proposta
À ritto che tengo malato
Ò fegato, ò pulmone,e à culatella
Curr’ Costantino, accireme na vallina
Chè vaco arrete ò miereche e o spezial’
Cu tutt’ à mericina
M’arritiro contento e felice…..verite Settembre cosa vi dice

SETTEMBRE
Jo sò settembre con la fica moscia
E l’uva muscarella se fenisce
Coglio perzeche, parcoche e pere lisce
M’arritiro contento e felice…..verite Ottobre cosa vi dice

OTTOBRE
Jo sò Ottobre e so nu bbravo vilignatore
Con questa scaloncella e questa profiscinella
Addò sta la cchiù bella me la coglio, e faccio n’à bbella vutticella
E vino e Sulupaca
M’arritiro contento e felice…..verite Novembre cosa vi dice

NOVEMBRE
Jo sò Novembre cu stu mio surcaturo
N’zine c’è porto la fine semmenta
(e à saccio bbon’ spartere a semmenta)
Jo tengo tre semmente :
1 pè mme
1 pè l’auciell’
E 1 pè tutte sti Nenne bbelle
M’arritiro contento e felice…..verite Dicembre cosa vi dice

DICEMBRE
Jo sò dicembre, a sculatura e tutt’ e mise
M’è rimasta n’ata vutticella
E vino verdisco, e qant’
È bbello e quant’ è frisco
Faccio cantà Turchi, Tedeschi e Taliani

PULCINELLA
Signori miei, io vi saluto
Ce verimme a ll’anno nuovo
Mò che simme a Carnevale, pensamme à stà bbuon’
Cu sti cant’ e cu sti suoni
Nuj ce avimme cunsulà
Nuj ce avimm’ recreà.

 

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto è dell’associazione di volontariato medico sociale “Jerry Essan Masslo”, in partenariato con Centro Migrantes Campania, Comitato don Peppe Diana e Libera – Caserta che ora cammina sulle proprie gambe grazie al lavoro volontario di alcuni giornalisti che hanno dato vita all’Associazione di Promozione Sociale Migr-Azioni.

Shares