Free River Fest: Primo Maggio sulle rive del Garigliano

MAIANO DI SESSA AURUNCA – Musica,natura, divertimento: sono gli ingredienti del “Free River Fest” che si terrà dalle 15 del prossimo 30 aprile fino alle 18 del Primo maggio sulle rive del Garigliano al Parco Ulisse.
Tutto all’insegna del Free con ingresso, musica e camping gratuiti, il Free River Fest –  organizzato dall’A.s.d. Ulisse  – non è un campeggio ma uno spazio autogestito.
Al campo si arriva dalla SS 430 alle spalle della centrale idroelettrica di Suio Maiano di Sessa Aurunca (coordinate Gps N 41.294851 – E 13.888476), una volta sul posto sarà possibile montare le tende dalle ore 15:00 alle ore 20:00 del 30 aprile e lasciare lo spazio alle 18 del giorno successivo.
La rassegna musicale, la cui direzione artistica è affidata a Nicola Caterino, prevede una session totalmente autogestita dagli ospiti del camping che utilizzeranno i propri strumenti o i propri “pezzi” nel caso di campeggiatori dj, e ci sarà spazio anche per ballerini e ballatori che potranno liberamente esibirsi.
L’organizzazione mette a disposizione il service audio e tutto quanto possa essere utile per divertirsi al meglio oltre a bagni chimici e docce e l’allestimento di un’area ristoro. Sarà, inoltre, possibile usufruire di kayak e fare escursioni a piedo o in bici per il parco.
Il primo maggio ci sarà,sempre al Campo Ulisse, la Prima edizione di “Zattera racing” una competizione amatoriale nella quale i concorrenti dovranno costruire  le proprie zattere con materiale ecocompatibile e sfidare in navigazione altri concorrenti. Le abilità ingegneristiche e fantasiose, più che fisiche, la faranno da padrone.
Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.