“Ricostruire presto e bene”: concerto regionale del primo maggio alla Citta’ della Scienza

Ricostruire presto e bene: è la parola d’ordine di CGIL, CISL e UIL Campania per Città della Scienza, che quest’anno sarà lo scenario prescelto  per il concerto del 1° Maggio, festa del lavoro, nella città di Napoli.

La scelta di Bagnoli, di Città della Scienza, distrutta da un incendio doloso e sottratta alla città con violenza inaspettata, non è solo un segnale per  Napoli, per il Paese intero, per il mondo della cultura e della scienza internazionale, ma vuole essere anche un forte segnale di attenzione verso tutto il mondo del lavoro ed un richiamo chiaro alla legalità, affermano Federico Libertino, segretario generale della CGIL Napoli, Gianpiero Tipaldi, segretario generale CISL di Napoli e Fulvio Bartolo, segretario organizzativo della UIL di Napoli.

Città della Scienza era un presidio di eccellenza scientifico e culturale, luogo di attrazione di migliaia di giovani studenti provenienti da tutto il Paese e deve ritornare ad esserlo senza rinvii o ritardi che adesso diventerebbero inammissibili, aggiungono Libertino, Tipaldi e Bartolo. La ricostruzione potrà diventare l’occasione per finire quello che è stato troppe volte annunciato e mai portato a termine a Bagnoli, stiamo parlando della bonifica e del risanamento di tutta l’ex area industriale dell’Ilva-Italsider.

Tra gli artisti che hanno confermato la loro partecipazione:

  • Tullio De Piscopo
  • Le Orme
  • Raiz degli Almamegretta
  • Carlo D’Angiò
  • Ben Khaleb

 

Fonte: www.cittadellascienza.it

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.