Dal Comitato don Diana grande gioia per beatificazione don Puglisi

«Parliamone, spieghiamoci, vorrei conoscervi e sapere i motivi che vi spingono a ostacolare chi tenta di aiutare ed educare i vostri bambini alla legalità, al rispetto reciproco, ai valori della cultura e dello studio». (don Pino Puglisi)

CASAL DI PRINCIPE – Con la beatificazione di don Pino Puglisi, la Chiesa riconosce l’alto valore morale e di testimonianza di fede dell’impegno dei sacerdoti nel contrastare la criminalità organizzata, come strutture di peccato, e nello strappare alla loro nefasta influenza i tanti giovani delle loro parrocchie.

 E’ felice don Peppe Diana oggi – ne siamo sicuri -, è felice perché il suo confratello, l’altro martire di giustizia, suo omonimo è stato proclamato Beato. Con don Peppino siamo felici Noi, del Comitato don Diana, che da 19 anni ricordiamo il sacrificio di questi due Sacerdoti, martiri della fede e della  giustizia, testimoni del nostro tempo.

Per noi, oggi, è come se Beato fosse stato proclamato, anche, il nostro don Peppino, perché entrambi hanno denunciato e contrastato il malaffare criminale, che ha insanguinato le loro e nostre terre.

Andremo in Sicilia per lasciare sulla tomba del Beato Pino la nostra promessa di continuare nel suo e nel nome di Diana l’impegno nella costruzione di un mondo di Pace.

 Il Comitato don Diana

Michele Docimo

Aversano (in prestito a Trieste), eterno indeciso: giornalista free lance, comunicatore sociale, fotoreporter, videomaker, copywriter, storyteller, formatore, speaker ed autore radiofonico. Dirige NOTIZIE MIGRANTI [www.ntoziemigranti.it] e CONTRASTOTV [www.contrastotv.it]. E’ presidente di MIGR-AZIONI APS [www.migr-azioni.info]. A sei anni ha imparato a leggere e da allora non ha più smesso. Oggi sta cercando di imparare a scrivere. È convinto che gli africani salveranno gli italiani.

Shares