Eco Summer Festival: l’associazione La Tenda prepara la quarta edizione

PARETE – Il 19, 20 e 21 luglio si svolgerà la quarta edizione dell’EcoSummer Festival, l’evento organizzato ogni anno dall’associazione La Tenda. Anche quest’anno, così come l’anno scorso, le tre serate si svolgeranno all’interno del Parco Verde delle scuole medie di Parete.

L’EcoSummer nasce 4 anni fa, con l’intento di dar vita ad un evento estivo con caratteristiche originali: festival musicale, dibattiti e workshop incentrati sul problema della questione ambientale.

Dopo aver ospitato negli ultimi due anni gruppi del calibro di Capone Bungt&Bangt e i Figli di Madre Ignota, per questa edizione l’headliner sarà la Municipale Balcanica, gruppo folk nato nel 2003 molto apprezzato sia in Italia che all’estero, numerose inoltre le partecipazioni allo Sizget Festival.

Questo il programma. La prima serata è dedicata alla musica popolare, intesa come musica dei popoli. Si esibiranno gli O’Rom (musica balcanica rumena), i Gunà Percussioni (Musiche e percussione del West Africa) e i Pino Iove (tammorra napoletana).

La seconda serata sarà dedicata al teatro, con lo spettacolo teatrale di Ulderico Pesce dal titolo “Storie di Scorie”, a seguire concerto di Sabba e gli Incensurabili, uno dei gruppi più apprezzati della sfera underground napoletana.

La terza e ultima serata come anticipato in precedenza prevede l’esibizione della Municipale Balcanica, con i Sula VentreBianco in apertura.

Inoltre per tutti e tre i giorni sarà previsto uno spazio fiera dedicato all’artigianato, arte del riciclo e alla vendita di prodotti biologici; esibizione di artisti di strada e workshop pomeridiani allestiti nell’area camping. Per informazioni e aggiornamenti è possibile seguire la pagina Facebook @Eco Summer Festival 2013

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.