Con la storia di Masslo parte il festival afro-napoletano

CASTEL VOLTURNO – Sotto il Baobab è la I° Rassegna Cinematografica del cinema Afro/Napoletano che si terrà a Castel Volturno durante il mese di luglio.

Una rassegna che vuole intrecciare un rapporto tra uomini, razze e culture diverse. Film africani e non solo da far conoscere ai napoletani e film napoletani da far conoscere agli africani e a tutti quelli che risiedono sul litorale domizio.

La “prima” è fissata per il 19 luglio alle 21 presso il Centro Culturale “Miriam Makeba” di Via Matilde Serao, 10 con la pellicola “Non è un paese per neri –  L’Italia e il razzismo” di Luca Romano e Francesco Amodeo.

Il film-documento ricostruisce in breve (anche attraverso testimonianze) la vita di Masslo, il ragazzo di Umtata (la città di Nelson Mandela ) che, come suo padre e suo fratello, assassinati in Sudafrica, si batte per la difesa dei diritti e contro le ingiustizie.

La sua morte scuote l’Italia, genera una grande indignazione (sono solo fuori posto durante i funerali le parole del sacerdote che afferma: “L’arrivo dei neri ha prodotto molti disagi e molti vizi”) e pure la politica (per una volta) fa la sua parte. Tant’é che di lì a qualche mese governo e parlamento vareranno la legge 30 sull’immigrazione che riconosce agli stranieri extracomunitari la stato di rifugiato, eliminando così la limitazione geografica per i richiedenti asilo.

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto è dell’associazione di volontariato medico sociale “Jerry Essan Masslo”, in partenariato con Centro Migrantes Campania, Comitato don Peppe Diana e Libera – Caserta che ora cammina sulle proprie gambe grazie al lavoro volontario di alcuni giornalisti che hanno dato vita all’Associazione di Promozione Sociale Migr-Azioni.