Napoli: Torna la pizza “a otto giorni”

NAPOLI – «A Napoli esistono delle povertà nascoste che difficilmente emergono. Dunque, anche un’iniziativa come la pizza a otto, per quanto possa apparire paradossale oggi, è espressione del fortissimo disagio che la città sta attraversando». È quanto dichiara all’Agenzia Sir Mario Di Costanzo, responsabile dei percorsi socio-politici della Diocesi di Napoli, commentando la notizia che una storica pizzeria di Napoli, nel centro storico della città, ha deciso di «rispolverare l’antica tradizione in voga fino agli anni Cinquanta-Sessanta: consentire alle persone di pagare la pizza dopo un numero indicativo di otto giorni», come spiega l’ideatore dell’iniziativa, Gino Sorbillo.

Il ritorno della “pizza a otto” non meraviglia Di Costanzo: «Con la crisi e i licenziamenti ci sono intere famiglie che si sono trovate sul lastrico e in queste condizioni si cercano tutte le soluzioni possibili, anche pagare la pizza dopo otto giorni».

«Quella della pizza a otto – afferma, invece, Maria Pia Condurro, con il marito direttore dell’Ufficio delle aggregazioni laicali della diocesi di Napoli, dopo molti anni impegnati nella pastorale familiare – è un’abitudine antica rispolverata. Ma la pizza a Napoli costa pochi euro. Stiamo attenti quindi a certi episodi che sanno di folclore”.

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.