Clandestinità: Vento di fronda nei Cinque Stelle

ROMA –Questa vicenda del reato di clandestinità è stata gestita dal blog in modo discutibile. Non è così che va gestita la democrazia diretta. La vita delle persone non è un videogioco ne’ una battuta da condividere sui social media. Il blog gestito così diventa un’arma nelle mani di qualcuno che si è convinto di poter gestire più’ di 150 parlamentari con strategie di organizzazione di rete aziendale. Togliamo quella pistola a Casaleggio! Il M5S è un fenomeno troppo serio per essere gestito in questo modo!“.

Francesco Campanella, senatore del Movimento 5 stelle, lancia la rivolta contro il braccio destro di Beppe Grillo, reo di giocare con i parlamentari pentastellati e la “vita dei cittadini” come fosse un “rischiatutto”.

Lo sfogo di Campanella arriva nel giorno in cui sul blog di Grillo si puo’ votare per decidere come i gruppi parlamentari del M5s si devono comportare sul voto che abolirebbe il reato di clandestinità’. Innanzitutto Campanella se la prende con le modalità’ di avviso della consultazione: “Ricevo alle 10.10 di oggi un messaggio di posta dal Blog di Beppegrillo: ‘Caro iscritto al MoVimento 5 Stelle, domani 14 gennaio sarà votata in Senato la legge sulle ‘depenalizzazioni’ che ha al suo interno la disposizione che abolisce il ‘reato di clandestinità’. Si chiede il tuo parere vincolante sul voto che il gruppo parlamentare del Senato dovrà esprimere sul ‘reato di clandestinità’. Il sistema di votazione sarà attivo oggi lunedì 13 gennaio dalle 10 alle 17“.

Poi, attacca: “Come tutti sanno i parlamentari del M5S si considerano portavoce popolari per cui considerano vincolanti le posizioni assunte sul blog dai cittadini che possono votarci. Alla luce della considerazione che riporto sopra, la rilevanza di questo messaggio appare evidente. Il blog indice una consultazione il cui esito e’ ‘vincolante’. Come la indice? La indice ‘ora per poco fa’ e senza preavviso (la consultazione inizia alle 10 ma il messaggio arriva ‘a sorpresa’ quando la consultazione e’ gia’ partita. La consultazione arriva il giorno prima del voto in Parlamento e dura 7 ore (quelle lavorative, in cui puo’ rispondere chi ha la disponibilita’ ad accedere ad un terminale). Siamo tutti d’accordo sul fatto che le leggi votate in Parlamento hanno conseguenze serissime? Io ogni volta che discuto di qualcosa sono investito dalla consapevolezza del fatto che in ogni comma c’e’ la vita delle persone. É cosi’ che vogliamo gestire la vita dei nostri concittadini? A mo’ di rischiatutto?“, chiede Campanella.

A Campanella fa eco il senatore Lorenzo Battista : “Non si puo’ avere una finestra temporale cosi’ ristretta e tanto meno un preavviso a apertura votazione in corso – tuona Battista – Penso sia giunto il momento di dire basta a questa gestione del blog/portale/sistema operativo (chiamatelo come vi piace). Invito caldamente l’autore di questo ennesimo condizionamento esterno a rivedere insieme al gruppo parlamentare il modus operandi o lasciare a una rappresentanza piu’ democratica e partecipativa la gestione dello strumento informatico/informativo del M5s“.

Il senatore Luis Orellana, infine, fa suo e rilancia il grido di battaglia del collega Campanella affidando a Twitter il post: “Reato di clandestinita’: Togliamo quella pistola a Casaleggio!“.

photo credit: pasere via photopin cc

Michele Docimo

Aversano (in prestito a Trieste), eterno indeciso: giornalista free lance, comunicatore sociale, fotoreporter, videomaker, copywriter, storyteller, formatore, speaker ed autore radiofonico. Dirige NOTIZIE MIGRANTI [www.ntoziemigranti.it] e CONTRASTOTV [www.contrastotv.it]. E’ presidente di MIGR-AZIONI APS [www.migr-azioni.info]. A sei anni ha imparato a leggere e da allora non ha più smesso. Oggi sta cercando di imparare a scrivere. È convinto che gli africani salveranno gli italiani.

Shares