Maglia dell’Afro-Napoli per Benjamin, il nigeriano che ha sventato uno scippo

NAPOLI – Ha partecipato al suo primo allenamento con la maglia dell’Afro-Napoli United Benjamin, il ragazzo nigeriano che lo scorso 6 febbraio si è ribellato allo scippo di una donna anziana trascinata per diversi metri nel centro storico di Napoli, nell’indifferenza generale.

Benjamin non ha un lavoro né il permesso di soggiorno, aiuta commercianti e cittadini della zona che lo sostengono e gli danno da mangiare. Dopo essere stato immortalato dalle telecamere a circuito chiuso del vicolo in cui ha sventato il tentato scippo, il giovane si è guadagnato la ribalta delle prime pagine cittadine e ha incassato la solidarietà di molte associazioni che hanno chiesto a gran voce per lui la cittadinanza onoraria.

La prima ad occuparsi di Benjamin, appassionato di calcio, è stata la squadra multietnica Afro-Napoli United, che dal 2009 promuove l’integrazione attraverso lo sport di italiani e migranti. Ieri sera il ragazzo si è allenato con gli atleti dell’Afro sul campetto Buonocore di San Giovanni a Teduccio nel ruolo di portiere.

Gli abbiamo consegnato il nostro abbigliamento tecnico, è stato molto contento – ha spiegato il presidente dell’associazione sportiva Antonio Gargiulo Sono arrivate già molte offerte di lavoro per lui. Ne valuteremo la concretezza. È bello che un immigrato compia un gesto eroico, è un modello di senso civico oda seguire per tutti”.

Un gesto quello di Benjamin apprezzato anche dal ministro per l’Integrazione, Cècile Kyenge, che nei giorni scorsi in un tweet ha definito la sua azione “eroica”.

Proprio in questi giorni, il ragazzo inizierà a frequentare la scuola di italiano per stranieri Nablus, promossa dal Laboratorio Occupato Mezzo Cannone. Anche il sindaco di Napoli, Luigi de Magistris, ha incontrato Benjamin. Il primo cittadino del capoluogo campano ha  elogiato il senso civico dimostrato dal ragazzo, accompagnato a Palazzo San Giacomo dal fratello e ha assicurato l’interessamento dell’amministrazione comunale per la sua condizione, dichiarando che “segnalerà la lodevole azione del giovane al Questore Marino”.

Benjamin si è detto felice del sostegno dimostrato dalla città e da tutti coloro che lo hanno sempre aiutato. “Benjamin mi ha raccontato di una Napoli amica e solidale – ha sottolineato il sindaco – Sono state davvero belle le sue parole sulla città e sull’affetto dei napoletani. Un grazie anche a chi si è preso cura di lui fino a oggi”.

Stampa articolo

Michele Docimo

Aversano (in prestito a Trieste), eterno indeciso: giornalista free lance, comunicatore sociale, fotoreporter, videomaker, copywriter, storyteller, formatore, speaker ed autore radiofonico. Dirige NOTIZIE MIGRANTI [www.ntoziemigranti.it] e CONTRASTOTV [www.contrastotv.it]. E’ presidente di MIGR-AZIONI APS [www.migr-azioni.info]. A sei anni ha imparato a leggere e da allora non ha più smesso. Oggi sta cercando di imparare a scrivere. È convinto che gli africani salveranno gli italiani.