Renzi contro UE: «Accoglienza è nel dna degli italiani»

ROMA  – Duro attacco di Matteo Renzi alla Commissione Ue sul tema degli immigrati. «Non abbiamo bisogno che un commissario Ue ci ricordi il diritto d’asilo. Ma l’Europa non puo’ negare liberta di movimento agli immigrati», dice il presidente del consiglio parlando a “the State of the Union“.

Renzi rivolge alla platea, in cui siedono i candidati alla presidenza della commissione e il presidente in carica Jose Manuel Barroso, delle domande che suonano come altrettanti atti d’accusa.

«Il Mediterraneo – dice il presidente del consiglio italiano- è il luogo in cui assistere attoniti agli sbarchi o intervenire? E chi ha il compito di intervenire, solo i paesi confinanti? E se nei primi mesi dell’anno arrivano quasi 30mila persone, con una percentuale di oltre il 60 per cento di richiedenti asilo, chi disciplina il diritto d’asilo?»

Renzi aggiunge: «Non abbiamo bisogno che un commissario Ue ci chieda di accogliere delle persone. E’ una cosa che sta nel nostro dna, è nel nostro concetto di democrazia. Ma quando siamo in questa discussione, possiamo chiedere se abbia senso che il diritto di asilo sia proclamato a livello continentale e poi negato quando si dice che chi arriva in Italia deve restare in Italia negando una naturale e logica libertà di spostamento in Europa? Su questi temi si gioca la credibilità dell’Unione europea. E non passerà giorno in cui non faremo notare l’assoluto contrasto” tra le parole della commissione sull’immigrazione e la pratica».

In questi giorni in Italia ci sono «polemiche vergognose, da parte di alcune forze politiche, che hanno chiesto di bloccare Mare nostrum», operazione che «sta impedendo il ripetersi di 1, 10, 100 Lampedusa», aggiunge il premier.

photo credit: Palazzochigi via photopin cc

Stampa articolo

Michele Docimo

Aversano (in prestito a Trieste), eterno indeciso: giornalista free lance, comunicatore sociale, fotoreporter, videomaker, copywriter, storyteller, formatore, speaker ed autore radiofonico. Dirige NOTIZIE MIGRANTI [www.ntoziemigranti.it] e CONTRASTOTV [www.contrastotv.it]. E’ presidente di MIGR-AZIONI APS [www.migr-azioni.info]. A sei anni ha imparato a leggere e da allora non ha più smesso. Oggi sta cercando di imparare a scrivere. È convinto che gli africani salveranno gli italiani.