Acciaroli: I primi cittadini italiani ricordano Angelo Vassallo, il sindaco pescatore

ACCIAROLI – «Sono i paesi che fanno il Paese», amava dire Angelo Vassallo, sindaco del Comune di Pollica brutalmente ucciso 2 anni fa.

Oggi, per l’anniversario della sua scomparsa, laFondazione ‘Angelo Vassallo, sindaco Pescatore’presieduta da Dario Vassallo, fratello del compianto primo cittadino ha organizzato un incontro ad Acciaroli.

Il ministro per la coesione territoriale Fabrizio Barca e oltre 30 sindaci provenienti da tutta Italia parteciperanno all’iniziativa.

Alle ore 19,00 sarà celebrata la Santa Messa nella chiesa dell’Annunziata, l’omelia sarà affidata a don Tonino Palmese (referente regionale di Libera Associazionio, Nomi e Numeri contro le mafie).

A partire dalle ore 18,45 fino alle ore 19,00 tutti i commercianti del Comune sospenderanno le attività in segno di lutto e i cittadini accenderanno un lume in ogni casa.

Dopo la funzione religiosa, presso l’Arena del Mare di Acciaroli i sindaci italiani ricorderanno Angelo Vassallo con le loro testimonianze.

«L’iniziativa di commemorare Angelo Vassallo è un’importante occasione per perpetuarne il ricordo, soprattutto nelle nuove generazioni, e per riaffermare i valori, in cui egli fortemente credeva, della legalità, della tutela e della salvaguardia dell’ambiente e della coesione sociale, condizioni essenziali per la crescita economica e civile di una comunità». È questo, invece, il testo di un commosso messaggio che il Presidente della Repubblica,Giorgio Napolitano, ha fatto recapitare, in occasione del secondo anniversario dell’assassinio di Angelo Vassallo, che ha pagato con la vita il suo generoso impegno al servizio delle istituzioni, al fratello Dario.

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto è dell’associazione di volontariato medico sociale “Jerry Essan Masslo”, in partenariato con Centro Migrantes Campania, Comitato don Peppe Diana e Libera – Caserta che ora cammina sulle proprie gambe grazie al lavoro volontario di alcuni giornalisti che hanno dato vita all’Associazione di Promozione Sociale Migr-Azioni.

Shares