Salerno, volontariato per uscire dalla devianza minorile

SALERNO – È stato firmato nel mese di agosto il protocollo d’intesa tra il Centro Giustizia minorile regionale – Dipartimento di Giustizia minorile e Sodalis, Centro servizi volontariato della provincia di Salerno.

L’accordo, sottoscritto presso il Centro di Giustizia minorile di Napoli, dal dirigente del Centro regionale, Giuseppe Centomani e dal presidente del Centro servizi, Leopolda Minchillo, è finalizzato a favorire il recupero dei minorenni, entrati nel circuito penale, attraverso percorsi di socializzazione alternativi, stimolando il loro attivismo civico e l’impegno volontario.

Il protocollo intende sviluppare un percorso educativo e di socializzazione per i minori a cui vengono applicate misure cautelari con prescrizione di permanenza in casa, collocamento in comunità o misure alternative alla detenzione.

I ragazzi con età inferiore ai 18 anni alla data di commissione del reato, entreranno in contatto con le organizzazioni di volontariato presenti in provincia di Salerno che si renderanno disponibili ad accoglierli per svolgere al loro interno un percorso di volontariato attivo.

L’esperienza concreta con le associazioni offrirà ai ragazzi un’occasione di crescita e maturazione, incentrata e sull’impegno civico diretto e su un volontariato attivo e responsabile.

La firma del protocollo d’intesa apre nuove modalità di relazione e confronto fra i due enti – già attivi su questi temi da diverso tempo – destinate a favorire percorsi di recupero alternativi alla questione della devianza minorile.

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.