Vorrei solo che qualcuno mi tendesse la mano

 

 

TEVEROLA –Vorrei solo che qualcuno mi tendesse la mano”, è il titolo della 5a edizione, del “#TeverolaArtContest”: una combinazione totale tra musica, poesia e pittura. Una simbiosi incantevole, un’impresa di insolita e unica energia in programma sabato 21 ottobre ore 18, nell’Aula Consiliare del Comune di Teverola.

La kermesse, risultato di una sinergia tra  l’Assessorato alle Politiche Sociali – Comune di Teverola, l’associazione di volontariato “Sì Teverola Onlus” e la nostra Migr-Azioni aps, si presenta come realizzazione di una unione di tre forme espressive: pittura, musica e poesia, quale linguaggio universale.

Sarà regalato agli ospiti un percorso agevolato, davanti ad un buon caffè, per scoprire che l’arte è bellezza da condividere; un mezzo per uscire dalla balìa delle ombre, salvarsi e vedere il sole come strumento di visione globale del diuturno.

La mostra di pittura degli artisti: Anna Poerio e Aldo Forchia , allestita – a cura delle associazioni – nell’Aula Consiliare del Comune di Teverola, farà da cornice alla lettura di testi poetici di Luisa Prezioso accompagnati dalle note di Antonio e Andrea D’Angelo.

Ospiti della serata Enza Barbato – Assessore alle Politiche Sociali, Pino Tartaglia – psicologo, Tommaso D’Auria – maestro, Raffaele Moscardino e Marco Aversano – studenti.

Gli ospiti, giovani e meno giovani, animeranno la discussione coordinata da Antonio Zacchia, presidente di Si Teverola Onlus e caporedattore della nostra testata.

Quest’attività rientra nel progetto ‪#‎CityTelling, avviato già da qualche mese in città, che vede i volontari delle due associazioni mettere in atto, in modalità autofinanziata, un laboratorio di formazione-intervento permanente al servizio della comunità locale e di promozione – attraverso le più svariate forme –  di pratiche di cittadinanza attiva.

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.