Associazione Masslo: Cordoglio morte monsignor Schettino

CASAL DI PRINCIPE – L’Associazione di volontariato Jerry Essan Masslo, partecipa con dolore al lutto che ha colpito l’Arcidiocesi di Capua per la Perdita del suo Pastore monsignor  Bruno  Schettino.

I volontari, i Dirigenti ed i soci tutti della nostra Organizzazione non possono dimenticare l’ospitalità  e il sostegno offerto alle nostre attività da Mons. Schettino; la Jerry Masslo opera da oltre un decennio presso il Centro Fernandes, della Caritas Diocesana di Capua, ove gestisce un Ambulatorio medico , l’attività di strada, il sostegno alle vittime di tratta e ai TD dell’area domizia; Mons. Schettino in tutti questi anni non ha fatto mai mancare con le parole e le opere tutto l’aiuto possibile alle nostre varie iniziative di sostegno a soggetti in gravi difficoltà, senza distinzione di razza e/o di religione; ha partecipato a molti eventi da noi organizzati sui temi dell’intercultura e dell’accoglienza, portando sempre un suo messaggio di pace e di amore.

Non esageriamo nel dire che la sua morte è per noi una grande perdita, senza di lui i percorsi  di integrazione corrono il rischio di diventare ancora più difficili che nel passato.

Ci stringiamo a fianco ai suoi collaboratori, a cominciare dal Direttore del Centro Fernandes dr. Antonio Casale, ai sacerdoti della diocesi, alla Migrantes di cui era importante esponente, con l’impegno a continuare lavorare, nel suo nome, per i suoi amici e fratelli immigrati.

ASSOCIAZIONE DI VOLONTARIAO JERRY ESSAN MASSLO

IL PRESIDENTE

Dr. Renato Franco Natale

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.