[TERRA NOSTRA] Carnevale nelle zone del Clanio nell’Aversano. La canzone di Zeza

È un antico ”contrasto” a più voci che ha per protagonisti Pulcinella, la moglie Zeza e la figlia Vicenzella.
Fu riesumato dall’oblio della cultura “dotta” da Benedetto Croce e, in seguito, da Domenico  Rea, De Simone e Rossi. È stato (ed è) rappresentato a Marcianise, Sant’Arpino, Itri, Galluccio ed altri comuni Campani. Qualcuno ha ipotizzato un “aggiustamento” del motivo ad opera di Domenico  Cimarosa.
Qui di seguito trascrivo questa reliquia di cultura contadina ( sec XVI- XVII ) fiorita lungo il corso del Clanio nella zona Aversana.

LA CANZONE DI ZEZA

Personaggi: Pulcinella, Zeza, Vicenzella, Don Nicola

Parte I °: entrano in scena Pulcinella e Zeza

Pulcinella
E sentitemi, signori miei,
ch’ello ca me succera
‘nnante a ‘sta bbrutta ‘mbesa
Ca m’è mugliera:
j’ le porto llu mmangià
e essa non vvò cucenà
lu piglio e me lu mena
pè ncopp’ lli grare
oi pè ncoppo a lli grare (coro)

Zeza

È lu piello che t’afferra
Rint a sru bbrutt’ nas!
Sèra me lu menasti
Tanto nu piatto

Pulcinella
E gnursì ca te lu menaje!
Ci avevo ‘ na grossa rraggion!
Tu stive cù don Nicola
Sott’ o purton sola sola
Oi sola sola (coro)

Zeza

È la paglia che te vota
Rint’ à stu bbruttu naso!
Chillo era do Fabbrizzio,
ò padrone e casa.
Vuleva li denari
D’o mese terzo passato
Si nun era pè Vicenzella
Ive carcerato, ammanettato
Oi ammanettato (coro)

Pulcinella

Ohi m’è stato ritto
A tutto stu cuntuorno
Che cca c’è vene ‘n ‘abbate
E notte e e juorno
Ma si lo ‘ngoccio
Se coglie n a bbona mazziata:
a nu tummelo e tiempe
c’è l’aggia apparicchiata
oi apparacchiata ( coto)

Zeza

È st’abbate che tu rici
J’ maje llaggiu vistu
Oggi simmo ‘ngopp’ a nu munno
Che è troppo tristo
A ggente è chest chizz
Ce vonno arruanire
E sciquaglielli’ a recchia
Ce vonno fa ‘mpignà
Oi fa ‘mpignà(coro)

Pulcinella

Zeza Zeza, vi ca mò esco:
st’atta’ attiente à sta figliola
tu ca si mamma
falle n abbona scola.
Tienatella cà nserrata,
nun ‘ a fa prattecà cu don Nicola
che chello can un sape
sò po’ ‘mbarà
oi so po’ ‘mbara(coro)

Zeza

Tu sì pazzo! Ma che ddici
La vuò tennere serrata??
Sta povera figliola
È proprio sventurata
J’ sempe t’o stongo a ddicere
Ca è na femmena nnurata,
è chiù e nu tesoro
è ‘ o tengo sempre stipato
oi o tengo stipato (coro)

Pulcinella

E ssarrà commo tu dici
J’allora me n’aggie à ì
Neh, mugliè, statt’ attiente
Pense che so nnurato
Nun fa che me ne trase
Int’a cammerà ‘ncurniciat’!
Aggie ncurnatò e corn’ rint o pignato
Oi rint’ o pignato (coro)

Zeza

Nun ce pensà, marito mio:
chesta bbella figliulella
me ll’aggia crisciut’ io
e’ a voglij fa spusà:
cù cient’ nnammurate,
cù principi e baruni,

‘stu abbate
e cù ‘tutti sti surdati
oi cu sti suldati (coro)

– IL PADRE ESCE – PARTE II
In scena entra la figlia Vicenzella

Vicenzella

Mamma Mamma che faje ccà ffore
Sola sola a sbarià
Ma ppecchè nun te ne trase
E nu mitte a cucinà
Si vene chillu ‘mbiso e ‘Tate
E nu tova cucinato
Lo fa arruvutare
Tutto chistu vicinato!
Oi lu vicinato (coro)

Zeza

Si ‘ figlia mia, rice bbuono
Trasetenne pure tu
Si vene chillu ‘mbise e patete
Chillo te rompe e ‘ndurre, e nun te fa ascì llà ffore;
ma si chillu te carosa certo te la dà ‘na bbona ddose
figlia, sì presentosa!
Oi presentosa (coro)

Vicenzella

Zitta, mamma, j’ nzacchì veco
A mme me pare che è don Nicola,
me pare che mò esce da la scola.
Si isso me vulesse
Je me lo spusarrie
Annanze a ‘stù ‘mbiso e Tata
Nun c starria
A me ne fujarria.
Oi me ne fujarria (coro)

Entra don Nicola

Don Nicola

E mannaggia tutto llì mmondo,
j’ ce spanteco pe sti bbellizzi
comme à nu ciucciariello
tira ‘ a capezza
si bbella e grazziosa
e pè sta faccia bella
ci aggio perduto ‘a capa
e tutt’è cerevelle
oi le cerevelle (coro)

Vicenzella

Viate chi ‘ve vede,
don Nicò che è stato?
M’ivo a venì a truare,
ma te ne sì scurdato
forse cocche ‘ata amante
o core v’ha ferito,
e a Vicenzella ‘o pizzo
ce la mettite
oi ce la mettite (coro)

Don Nicola

A mme dice sti parol’,
e ppuortame a spusare
‘stu pietto me sento stritulare
Me veco rinto a nu ffuoco
Caruzza mia carella,
pe ‘stu pietto e sta faccia bbella
aggio perduto a capa e tutte e cervell’
a mme me ven’ a cacarella
oi la cacarella (coro)

Zeza

E crediteme Zi Abbate
Chesta povera figliola sempre vania
Quanno sta essa sola
Pensanno ‘a Vussignuria
E nu trova chiù ricietto
E sente na vriale dint’ a o pietto
E m’ha pisciato o lietto

PARTE III IN SCENA DON NICOLA- VICENZELLA- ZEZA E PULCINELLA

Don Nicola (rivolto a Zeza)

Ma j’ pè sta quadrana
Me so tutto ‘nzalluto
Pe essa e cerevelle aggia perduto
Nun vaco cchiù allo studio
E po’ manco a Vigaria
Pensanno sempe a chesta
Vicenzella mia
Oi Vicenzella mia (coro)

Vicenzella

E ‘j pè vuoij ll’aggia lassato
Già n’abbate e nu marchese
M’eva a i a spusare
Rinto ‘ stu mese.
Nun voglio cchiù a nisciuno
E sulo a vujie m’aggio spusare
Si no sola sulella
Me vaco a scannare
Oi a scannare (coro)

Entra il padre…

Pulcinella

Annanzo che te scanne
Mo t’ò faccio stu servizio

Zeza

Fermate marito mio
Che vaje mpregiudizio

Vicenzella

Tate, Tate mije, perdoname
Cchiù io nun o voglie fa
E sulo nun ve faccio stare
Oi ve faccio stare( coro)

Pulcinella ( a don Nicola)
A tutti v’aggio a strangulare!
Ma, che colpa n’ave
Chesta vigaria scassata?
Tenatella ‘sta mazzata
Si n’ata vota che tuorn
E nu tuorn cù crianza
‘stu spidi te lo ‘nzippo
Rint a sta brutta panza

Don Nicola (al padre)

E mannaggia lu viso tuojo,
tu a mme, chesta mazzata,
nun me ll’avevi a dare!
Mò te mengo ‘na ngagafugata!
J’ vaco a llù caricatore
E piglio lu cacafuoco
E certo te vengo a ccirere
Rint’ a stu luogo
Oi rint’ a stu luogo (coro)

 

Pulcinella ( a don Nicola)

E tu che si fenuto
Pcchessicco e strafulato
Meglio pè te si a chistu munno
Nun fusse mije nato
N’ata vota che ce tuorno
E ce tuorno pè cuntuorno,
nun te faccio campà
manco pè ‘nu juorno
oi manco nu juorno (coro)

Vicenzella ( al padre)

Ma tu proprio te sì ‘ngucciato!
Nun me vuò cchiù ammaretà?
Te faccio verè je che saccio fa!

Pulcinella ( Vicenzella)

Che faje bbrutta meccosa?
Tu a chi vuò fa essere acciso?

Zeza ( a Vicenzella)

Sgrazià, che cazz ‘ngape te mise?

Don Nicola

Areta! Areta! Vastasuni,
cca ce porto la tagliola:
e te voglio fa vedere
chi è Don Nicola!
Te voglio fa passare tutti ‘sti verrizzi,
e’ sta carne e pella tojia
me nn’aggia fa sausiccia
chella massiccia
oi chella massiccia (coro)

PARTE IV (tutti in scena)

Pulcinella ( a don Nicola)

E pietà, Misericordia che ije aggia pazziato!

Zeza ( al marito)

Ma vì comme tremma
Chistu scellerato

Vicenzella

Don Nicola si me vuò bbene, nun accirere a Tate mio;
nun m’a fa ricurdare
chesta jurnata!
Ninnillo bbello mio,
caruzzo e chistu core, si m accirite a Tate
j priesto me ne moro

Don Nicola ( a Vicencella)

J’ pè te lo lascio stare,
j pè te lo lascio ire;
ma isso vò o nun vò
te voglio pè mugliera
(rivolto al padre)
Ma tu che ne dici?
Nun si cuntiento?
Ma tu si stunatore!
Parlo e nun me siente
Oi nun me sient( coro)

Pulcinella ( a Don Nicola)

E gnursì che so cuntient’
Mai chiuù na parola diciaraggio a don Nicola
Nun parlo pè cient’anno
E faccio ‘o surdo e o muto:
muglierema è ruffiana
e tu si curnuto

Zeza ( a don Nicola)

E dateve la mano!
Ce putite carì ‘nginocchiato:
figliema fila
e don Nicola scunocchia

Vicenzella

Maritiello si me vuò vasare

Don Nicola

Muglierella te lu dongo jo

Vicenzella

Si nun me lu dai tu,
me ll’abbosco io

Pulcinella

‘nsomme ce vonn ‘e vuaje
P’essere po’ cuntient!
Oi Zè, iammo a ammitare
Tutti sti paziente;
e tutti sti signuri
che ce stanno a sentì
a lu banchetto e Zeza
e facimme venire
oj facimme venì?
( si balla la tarantella)

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto è dell’associazione di volontariato medico sociale “Jerry Essan Masslo”, in partenariato con Centro Migrantes Campania, Comitato don Peppe Diana e Libera – Caserta che ora cammina sulle proprie gambe grazie al lavoro volontario di alcuni giornalisti che hanno dato vita all’Associazione di Promozione Sociale Migr-Azioni.

Shares