XV Tappa Festival dell’Impegno Civile: inaugurata la nuova sede di Agenda21

[Servizio di Umberto De Santis]

Lo Stato finalmente inizia a restituire ai cittadini qualcosa che appartiene a tutti.

In presenza del Vescovo della Diocesi di Aversa, Mons. Angelo Spinillo, di un centinaio di cittadini e di autorità religiose, militari e civili, alla quindicesima tappa del Festival dell’Impegno Civile è stato inaugurato un bene confiscato in primo grado.

L’ex sede della Paganese Trasporti da oggi diventa la nuova sede di tutte le circa 200 tra associazioni e cooperative che fanno parte del coordinamento di Agenda 21 per Carditello e i Regi Lagni.
Da centro del patto per il controllo del mercato ortofrutticolo tra camorra casalese e mafia siciliana, l’ex azienda aversana diventa, un vero e proprio quartier generale della cittadinanza attiva.

Il presidente di Agenda 21, Raffalele Zito, intervenuto a Ri.Pro.Va. del Bene afferma che a via Cappellone non ci “Casa del Terzo Settore”, ma sono tanti i progetti che a breve vedranno la luce, tra cui:
– un punto vendita per prodotti ortofrutticoli a km0
– un punto a Rifiuti Zero
– un mercatino sociale
– uno sportello informativo su Energia e Ambiente
– una scuola di formazione per la legalità e l’uso dei beni confiscati

Un spazio, quindi, che senza dimenticare la produttività economica, servirà soprattutto per aggregare le persone per bene e diffondere la cultura della legalità.
Le conclusioni sono state affidate a Mons. Angelo Spinillo che ha voluto ringraziare le realtà presenti per l’impegno che da anni mettono in questo cammino!

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.