Atti intimidatori ai terreni confiscati nel casertano, interviene Don Ciotti

TEANO – Nella giornata di sabato 13 luglio, i terreni ubicati nel casertano a Teano-frazione Pugliano  confiscati al clan Magliulo, adibiti alla coltivazione di alberi da frutto pesco e mele e affidati in gestione alla Cooperativa Le Terre di Don Peppe Diana-Libera Terra sono stati oggetto di atti intimidatori. Ignoti hanno tagliato l’impianto di irrigazione del pescheto in più punti e divelto tutte le chiavi di arresto del predetto impianto con relativo furto di materiale nonché sono stati rimossi e buttati a terra i frutti dei i primi tre filari di pesche, che pronti per essere raccolti non sono piu’ recuperabili .Anche all’adiacente meleto risultano danneggiate le chiavi d’arresto dell’impianto di irrigazione. A darne notizia Libera. Associazioni, nomi e numeri contro le mafie che attraverso i soci della Cooperativa Le Terre di Don Peppe Diana-Libera Terra ha presentato denuncia ai Carabinieri della Stazione di Teano .
“Un atto doloso e voluto rispetto ai tanti percorsi di legalità che si stanno realizzando su quel territorio dove prima regnava illegalità ed il potere criminale Un grave segnale- ha commentato Don Luigi Ciotti, presidente nazionale di Libera– che ci preoccupa ma non ci ferma: ai segni del potere criminale rispondiamo ancora una volta con il potere dei segni quello dell’impegno e della corresponsabilità, della mobilitazione. Un Noi che ci vede impegnati in tanti percorsi di giustizia e di economia sana che crescono e si allargano grazie alla collaborazione tra le tante associazioni di volontariato,del mondo della Chiesa, delle istituzioni, prefettura, magistratura e forze di Polizia, cioè le energia sane e fresche della società. Solo unendo le forze degli onesti la richiesta di cambiamento diventa forza di cambiamento”.

 FONTE: Libera.it
Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.