A Castel Volturno la Summer School su Mobilità Umana

CASTEL VOLTURNO –  Partita stamattina la sesta edizione della Summer School dell’Università Cattolica del Sacro Cuore  su Mobilità umana e giustizia globale dal suggestivo titolo: “IL DIRITTO A NON EMIGRARE”.

Location, quest’anno,  della Summer School, su indicazione della Fondazione Migrantes nazionale, è il territorio di Castel Volturno.

Sono state numerose, in questi anni, le iniziative formative dedicate al fenomeno epocale delle migrazioni internazionali. In questo quadro, la Summer School “Mobilità umana e giustizia globale” vuole caratterizzarsi per una sorta di “riposizionamento” di prospettiva, collocando l’analisi dei processi di mobilità umana all’interno di una riflessione più ampia, che rinvia appunto alla questione della giustizia globale, letta in tutte le sue implicazioni: economiche, politiche, sociali, culturali ed etiche.

In particolare l’edizione di Castel Volturno focalizza l’attenzione sul diritto a non emigrare; sulle condizioni che rendono l’emigrazione una scelta obbligata; sulle responsabilità di tutti quegli attori che traggono a vario titolo profitto dalle migrazioni, venendo meno al dovere di creare, nei paesi d’origine, adeguate opportunità di vita e di lavoro per le giovani generazioni. Ricercatori provenienti da varie regioni del mondo illustreranno come si produce l’imponente flusso di braccia e cervelli dai paesi a forte pressione migratoria a quelli del Nord globale. Attraverso gli interventi di studiosi ed esperti, la presentazione di ricerche, iniziative e testimonianze, la scuola vuole offrire un’occasione di crescita culturale, professionale e umana, prendendo le distanze dagli argomenti usualmente strumentalizzati dal dibattito politico.

La Summer School è rivolta, in particolare, a studenti universitari e dottorandi; funzionari della pubblica amministrazione; operatori sociali e professionisti che, a vario titolo, sono impegnati sul fronte delle migrazioni e della cooperazione allo sviluppo; responsabili della pastorale delle migrazioni, del lavoro e della famiglia; insegnanti e formatori; ricercatori e studiosi; responsabili di associazioni e volontari; giornalisti e attori della comunicazione.

Ricco il programma formativo che prevede, fra l’altro, per giovedì 16 luglio alle ore 16 presso il Centro Fernandes , una Tavola rotonda aperta alla cittadinanza su “Il diritto a non emigrare: dalla riflessione magisteriale all’esperienza pastorale” con un ricco parterre di relatori composto da . S.E. Salvatore Visco, Arcivescovo di Capua;  Padre Gabriele Bentoglio, Sottosegretario del Pontificio Consiglio della pastorale per i migranti e gli itineranti; Mons. Giancarlo Perego, Direttore generale della Fondazione Migrantes, Roma.

photo credit: noborder network via photopin cc

Stampa articolo

Michele Docimo

Aversano (in prestito a Trieste), eterno indeciso: giornalista free lance, comunicatore sociale, fotoreporter, videomaker, copywriter, storyteller, formatore, speaker ed autore radiofonico. Dirige NOTIZIE MIGRANTI [www.ntoziemigranti.it] e CONTRASTOTV [www.contrastotv.it]. E’ presidente di MIGR-AZIONI APS [www.migr-azioni.info]. A sei anni ha imparato a leggere e da allora non ha più smesso. Oggi sta cercando di imparare a scrivere. È convinto che gli africani salveranno gli italiani.