Aversa: Partiti ed associazioni per “la politica che serve”

AVERSA – Si è tenuta stamattina, presso la Fattoria Sociale “Fuori di Zucca”, l’evento “La politica che serve: L’anticamera delle idee”. La mattinata è stata un importante momento di confronto pubblico tra cittadini e istituzioni.

L’idea è partita, nei giorni scorsi, da 3 ragazzi: Mariano Scuotri (coordinatore regionale Millennials Campania), e gli attivisti Vincenzo Pascale e Antonio Portaro, sulla base di uno spunto del consigliere comunale di Aversa Alfonso Golia.

Tanti gli iscritti a parlare all’iniziativa: dall eassociazioni e i comitati attivi del territorio campano, a rappresentanze istituzionali regionali ed europee. Il dibattito ha avuto il fine di riavvicinare la politica alle persone.

Il gruppo “La Politica Che Serve” e i Millennials Campania hanno voluto, in questo modo, creare occasioni di discussione e dialogo su tematiche riguardanti il territorio, con dei tavoli tematici che hanno creato delle proposte concrete e realizzabili.

Ognuno, sia  giovani che adulti, ha potuto esprimere la propria idea di cittadinanza ed ha avuto la possibilità di formulare delle proposte convincenti per il futuro del proprio territorio.

Abbiamo dimostrato – afferma Mariano Scuotri –che la politica serve: serve a chi crede che la politica sia servizio, non servilismo. Ma, soprattutto, serve a chi crede che in una serena mattinata di dicembre si possa iniziare un percorso insieme senza chiedere il permesso a nessuno. Grazie all’impegno di  tutti gli intervenuti, l’anticamera delle idee è diventata officina. E, adesso, tutti al lavoro!

Michele Docimo

Aversano (in prestito a Trieste), eterno indeciso: giornalista free lance, comunicatore sociale, fotoreporter, videomaker, copywriter, storyteller, formatore, speaker ed autore radiofonico. Dirige NOTIZIE MIGRANTI [www.ntoziemigranti.it] e CONTRASTOTV [www.contrastotv.it]. E’ presidente di MIGR-AZIONI APS [www.migr-azioni.info]. A sei anni ha imparato a leggere e da allora non ha più smesso. Oggi sta cercando di imparare a scrivere. È convinto che gli africani salveranno gli italiani.

Shares