UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

Ocse: In Italia non si arrestano i flussi di immigrazione

Non si arrestano in Italia i flussi d’immigrati e neanche la crisi economica globale, che ha provocato una battuta d’arresto negli altri Stati Ocse nel 2010, ha frenato gli stranieri che – sempre più numerosi – decidono di fermarsi nel Belpaese per ricominciare una nuova vita.

La quota di cittadini stranieri sul totale dei residenti (italiani e stranieri) continua ad aumentare e al primo gennaio 2011 è salita al 7,5% dal 7% registrato un anno prima.

È quanto rivela il rapporto Ocse
. L’analisi del ‘capitolo Italia‘ del dossier stilato dall’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico parte dagli ultimi dati Istat: sono 4,57 milioni gli stranieri residenti in Italia al gennaio 2011, 335mila in piu’ rispetto all’anno precedente (+7,9%).

Il rapporto stima anche il flusso di 60.300 migranti non in regola  tra gennaio e agosto 2011. Il numero degli stranieri residenti nel corso 2010 è cresciuto soprattutto per effetto dell’immigrazione dall’estero (425mila individui).

I cittadini romeni, con quasi un milione di residenti (9,1% in piu’ rispetto all’anno precedente) rappresentano la comunità più numerosa in Italia (21,2% sul totale degli stranieri).
A fine 2010 gli altri gruppi principali sono:

albanesi (483.000)
e marocchini (452.000).

Il numero di permessi di soggiorno concessi per i cittadini non comunitari è  aumentato del 16,4% nel 2010 rispetto all’anno precedente, a 599.000, il 62% delle quali sono stati emessi per piu’ di 12 mesi.
La maggior parte dei permessi è stata data per motivi di lavoro (359.000) – sia subordinato sia stagionale – e ricongiungimento familiare (179.000).
Nel 2011 i permessi emessi sono stati 331.000, di cui 141.000 per ricongiungimento familiare e 119.000 per lavoro.

L’ingresso di cittadini non europei per motivi di lavoro è fissato da quote annuali. Nel 2009, il lavoro non-stagionale contingente è stato limitato a 10.000 posti per la formazione e apprendistato.
Tuttavia in quest’anno è stato regolarizzato il maggior numero di lavoratori domestici e badanti: la maggior parte delle 295.000 richieste depositate è stata accettata (233.000 a ottobre 2011).

Nel 2010 erano 710.000 gli stranieri legalmente occupati nella cura della casa e nell’assitenza agli anziani.

Sul fronte degli sbarchi, spiega il rapporto, nel 2011 gli immigrati clandestini giunti sulle coste d’Italia sono aumentati notevolmente a causa della mutata situazione politica in Tunisia e Libia.
Nell’agosto 2011 quasi 60.300 migranti sono stati intercettati lungo le coste della Sicilia, rispetto ai 4.400 di tutto il 2010.
A molti di loro è stato concesso asilo: nel primo semestre del 2011 sono state presentate 23.800 domande, più del totale del 2010 (10.050) e quasi il 25% sono state inviate dai tunisini.
Delle 11.300 domande d’asilo chieste nel 2010, il 14% ha determinato lo status di rifugiato e il 24% un permesso di soggiorno per motivi umanitari. I tunisini entrati illegalmente in Italia all’inizio del 2011 hanno ottenuto lo status di protezione umanitaria.

A partire dal 10 marzo 2012 tutti gli stranieri che chiedono un primo permesso di soggiorno per oltre un anno devono sottoscrivere un contratto d’integrazione e impegnarsi ad acquisire una conoscenza di base della lingua italiana e dei principi educazione civica.

Il numero di punti deve essere realizzato in due anni, anche se il contratto puo’ essere prorogato di un anno. I punti possono essere persi per violazioni di alcuni termini, il permesso di soggiorno non può essere rinnovato e si può arrivare anche a un provvedimento di espulsione.

A partire dal 2011 la residenza a lungo termine è concessa solo agli immigrati che superano un test di lingua: a ottobre 2011 erano stati eseguiti 69.000 test, con un tasso di successo del 70%. Il governo tecnico formato a novembre 2011 insieme la riforma della legge sulla cittadinanza – in attesa in Parlamento dal dicembre 2009 – ha tra le sue priorità le disposizioni relative al diritto di cittadinanza degli stranieri nati in Italia.

Stampa articolo

Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares