UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

Senza solidarietà l’Europa sarà la prossima vittima del Covid

Lettera aperta alla Cancelliera Angela Merkel firmata da Maurizio Verona, Presidente del Parco Nazionale della Pace di Sant’Anna di Stazzema e da Enrico Pieri, superstite della strage nazista di Sant’Anna di Stazzema del 1944 e Presidente Associazione Martiri di Sant’Anna.

Gentile cancelliera,

Le scriviamo dal Parco Nazionale della pace di Sant’Anna di Stazzema, un paesino in Toscana in cui il 12 agosto 1944 fu commesso un crimine contro l’umanità dalle truppe naziste che bruciarono, saccheggiarono e soprattutto uccisero: donne, vecchi e bambini, circa 500 nell’arco di una singola mattinata. Oggi a Sant’Anna non abita quasi più nessuno: ma accogliamo migliaia di giovani, insegnando loro il significato delle parole libertà, solidarietà, rispetto, legalità. Insegniamo il valore dell’Europa e di quei valori che in quella giornata furono calpestati brutalmente. Lo facciamo ripartendo da quella data che segnò per sempre questa comunità, che nella primavera del ’44 era stata capace di accogliere sfollati provenienti dai teatri di guerra più caldi, perché Sant’Anna, sperduta in mezzo alle montagne, sembrava un luogo sicuro, lontano da tutto, anche dalla guerra.

Nel 1945 l’Europa era in ginocchio, vittima dei nazionalismi, dei razzismi e dei particolarismi e dalla volontà egemone di nazioni su altre nazioni, di popoli su altri popoli ritenuti più deboli e destinate a soccombere. Eppure, seppe ripartire: lo fece dall’idea che uniti si è più forti che da soli, che qualcuno non valesse più di qualcun altro, che il futuro era lo stare assieme per evitare nuove tragedie. L’Europa politica fu una specie di piccolo miracolo: nazioni che si erano combattute aspramente in due guerre mondiali si univano in un’unica bandiera. Ciascuna nazione rappresentata ad una stella uguale ad un’altra, ciascuna chiamata a rinunciare a qualcosa di sé per essere in un progetto più grande.

Il Covid 19 ci ha scoperto tutti fragili, impreparati ad un nemico che non si combatte con le leggi, con le armi, ma con la scienza. Tutti hanno iniziato a chiudere le frontiere, a tornare a pensare per sé. L’Europa si è trovata di nuovo divisa da interessi particolari: mentre si cerca una risposta univoca, il Suo Paese e pochi altri si oppongono alla emissione dei cosiddetti Eurobond, che permetterebbero l’emissione di titoli di debito tramite i quali tutti gli Stati dell’UE possono diventare responsabili del debito in maniera congiunta, dando una spinta alla ripartenza di tutta l’Europa.

Così si alimenta un altro virus, quello dei nazionalismi e assieme alle migliaia di vittime che piangiamo ogni giorno nei nostri Paesi, rischiamo di piangere un’altra vittima che è l’Europa politica, ogni giorno sotto attacco e che avrebbe oggi lo strumento per battere forte un colpo. Siamo tornati ad essere italiani, tedeschi e non più europei.

Non saremo noi a convincerla, ma sappia che nessuno può uscire da solo da questa crisi: non crediamo che ci siano interessi nazionali da salvaguardare, ma europei. Ce lo ha detto il Papa e ce lo insegna la storia.

Come presidente del Parco Nazionale della Pace e come Presidente dell’Associazione che raccoglie i superstiti ed i familiari delle vittime della strage di Sant’Anna di Stazzema Le inviamo questo appello ed in attesa di un suo gentile riscontro, Le inviamo cordiali saluti

Firmato

Presidente Parco Nazionale della pace
Maurizio Verona

Presidente associazione Martiri di Sant’Anna
Enrico Pieri

Stampa articolo
Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares