ABC – AgroBiodiversità Campania presenta i risultati

ABC

PONTECAGNANO FAIANO – Il prossimo 11 novembre, presso la sede del CREA – Centro di ricerca Orticoltura e Florovivaismo di Pontecagnano Faiano, si terrà il convegno di presentazione dei principali risultati del Progetto ABC – Agro Biodiversità Campana.

Locandine 33x48 ABC Convegno 11 novembre 2022


Prenderanno parte all’evento, oltre al coordinatore del Progetto ABC, il dott. Massimo Zaccardelli, e alla referente della comunicazione del Progetto, dott.ssa Rosa Pepe, il Direttore del CREA-OF di Pontecagnano, il Dott. Daniele Massa, i ricercatori referenti delle azioni del Progetto, i funzionari regionali e l’Assessore all’Agricoltura della Regione Campania, Nicola Caputo.
Il Progetto ABC vede come capofila il Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria (CREA – Ricerca) – Centro di ricerca Orticoltura e Florovivaismo di Pontecagnano (SA), e altri partner, tra i quali Arca 2010 S. C. A. R. L., l’Università degli Studi di Napoli “Federico II” – Dipartimento di Agraria, Il Consiglio Nazionale delle Ricerche (CNR) e l’Università degli Studi di Salerno.

Fra le azioni previste dal progetto ci sono quelle di mettere in sicurezza le varietà orticole locali iscritte al repertorio regionale per evitare che vadano perdute; promuovere l’uso delle varietà locali a rischio di estinzione ed uno sviluppo sostenibile dell’agricoltura, favorendo la circolazione di materiali di riproduzione sani attraverso la Rete di conservazione e sicurezza delle risorse genetiche.

Nel corso della giornata, i coltivatori custodi incaricati per la moltiplicazione delle risorse genetiche vegetali erbacee riceveranno, proprio dalle mani dell’Assessore Caputo, gli attestati di riconoscimento per l’importante lavoro svolto.
Il Coltivatore custode ricopre un ruolo centrale all’interno del Progetto ABC. Egli è l’agricoltore che provvede alla conservazione in situ, nell’ambito del territorio di origine e di diffusione, delle Risorse genetiche vegetali locali di interesse agrario e a rischio di estinzione, iscritte nel Repertorio regionale. Tale incarico formale può essere conferito solo agli agricoltori iscritti nell’Elenco regionale dei coltivatori custodi.
Quella del prossimo 11 novembre sarà anche l’occasione, per tutti gli stakeholders che vi prenderanno parte, per confrontarsi sul lavoro svolto finora e gettare le basi per le azioni future da attuare per la salvaguardia e la valorizzazione dell’agro biodiversità .

Fra i partner di questo importante progetto di ricerca e divulgazione, lo ricordiamo, ci siamo anche noi di Migr-Azioni ETS.

Parliamone...