UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

Libera: “Di corsa” tra i beni confiscati

ROMA – Più di duemila ragazzi delle scuole medie, quest’anno, in 5 regioni italiane, hanno corso gli 800 metri tra i beni confiscati alla mafia.

È l’esperienza dei partecipanti al progetto “Libera la natura”, illustrato oggi da Lucilla Andreucci, ex atleta e ora aderente all’associazione “Libera”, nel corso del convegno “SportivaMente”.

L’agonismo ti isola, ma lo sport deve aggregare”, ha detto l’esperta, che a partire dalla sua lunga esperienza agonistica ha testimoniato come “la sconfitta ti insegna più della vittoria, perché quando perdi ti fermi a riflettere, mentre quando vinci sei come anestetizzata”.

A soffermarsi sul parallelismo tra “regole dello sport” e “regole della vita” è stato Roberto De Benedittis, sottolineando che il progetto “Regoliamoci”, promosso da Libera per educare alla legalità nelle scuole, quest’anno sarà imperniato proprio sull’attività sportiva.


Stampa articolo
Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares