UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

Scuola: I motivi dello sciopero del 5 maggio

Quali sono i motivi che hanno portato alla mobilitazione il mondo della scuola?

Due su tutti: Un secco NO ai super poteri del dirigente scolastico e a modelli di gestione autoritaria della scuola che stravolgono i principi di un’autonomia fondata sulla collegialità, la cooperazione, la condivisione, il pluralismo culturale e la libertà di insegnamento.

Ma c’è anche la richiesta ad attuare da subito un piano di assunzioni che assicuri la stabilità del lavoro per tutto il personale docente e ATA impiegato da anni precariamente nel mondo della scuola; la richiesta di organici adeguati al fabbisogno, per un’offerta formativa efficace e di qualità; il rinnovo del contratto del comparto scuola scaduto da sette anni per una giusta valorizzazione dei lavoratori;  Un altro NO  che è gridato in piazza è quello ad incursioni per legge su materie soggette a disciplina contrattuale, come le retribuzioni e la mobilità del personale;  ed infine si chiede l’avvio di una politica di forte investimento su istruzione e formazione, recuperando il gap che separa la scuola italiana dagli altri paesi europei.

Stampa articolo

Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares