Associazioni denunciano: Questura di Milano diventata hotspot

Sembra che la Questura di Milano si sia trasformata in un hotspot. Almeno secondo quanto denunciato da tre associazioni: Naga, Avvocati per niente e Associazione studi giuridici sull’immigrazione.

In una missiva inoltrata alla stessa Questura di Milano, i legali delle tre associazioni denunciano che a numerosi stranieri che si sono presentati all’ufficio immigrazione  “per presentare richiesta di protezione internazionale è stato sottoposto un modulo prestampato da compilare con riferimento ad alcune domande tese a ‘valutare’ se il richiedente potesse essere considerato effettivamente un soggetto avente diritto alla protezione o piuttosto si potesse trattare di un migrante economico. Nel caso in cui tale “filtro” sia risultato negativo, al richiedente è stato notificato (senza che la domanda venisse in alcun modo registrata) un decreto di espulsione“.

Una nuova prassi – sostengono gli avvocati – contraria al decreto legislativo n.25 del 2008 che agli articoli 3 e 26 prevede che la richiesta di protezione internazionale possa e debba essere valutata solo da una apposita commissione territoriale (e non da un funzionario di una Questura)”.

Ad aggravare la situazione, ci sarebbe poi il divieto imposto dalla Questura di Milano agli avvocati di entrare negli uffici insieme alla persone richiedenti asilo. “Anche tale decisione risulta del tutto illegittima – scrivono i tre sodalizi – perché è contraria all’articolo 16 del decreto legislativo n.25 del 2008 che prevede che lo straniero che chiede asilo ha diritto di farsi assistere, a proprie spese, da un avvocato“.

Nella lettera, inviata per conoscenza anche alla Prefettura di Milano, al Ministero dell’Interno, all’Unhcr, all’ordine degli Avvocati e ad altri enti, le tre associazioni chiedono alla Questura di “interrompere immediatamente” queste nuove prassi “consentendo ai cittadini stranieri che si rivolgono ai vostri uffici per presentare domanda d’asilo di avviare regolarmente detta procedura e di farlo accompagnati dai legali cui si siano eventualmente affidati“.

Se la Questura di Milano non farà marcia indietro – fanno sapere le tre associazioni –  si farà ricorso all’autorità giudiziaria italiana e e alla Commissione europea per l’apertura di procedura di infrazione” della direttiva 32 del 2013″.
photo credit: UNICEF- IOM partnership on assisted voluntary returning children from Ethiopia via photopin (license)

Stampa articolo

Michele Docimo

Aversano (in prestito a Trieste), eterno indeciso: giornalista free lance, comunicatore sociale, fotoreporter, videomaker, copywriter, storyteller, formatore, speaker ed autore radiofonico. Dirige NOTIZIE MIGRANTI [www.ntoziemigranti.it] e CONTRASTOTV [www.contrastotv.it]. E’ presidente di MIGR-AZIONI APS [www.migr-azioni.info]. A sei anni ha imparato a leggere e da allora non ha più smesso. Oggi sta cercando di imparare a scrivere. È convinto che gli africani salveranno gli italiani.