Papa Francesco: Messaggio a musulmani per fine Ramadan

ROMA –Franciscus”: è firmato personalmente dal Papa quest’anno il tradizionale messaggio di augurio rivolto ai “cari amici musulmani nel mondo intero” per la celebrazione di ‘Id al-Fitr che conclude il mese di Ramadan.

È firmato dal Papa come «espressione di stima e amicizia per tutti i musulmani, specialmente coloro che sono capi religiosi».

Il Papa, dunque,  si presenta al mondo musulmano con il nome di “Francesco”, «un santo – scrive – molto famoso, che ha amato profondamente Dio e ogni essere umano, al punto da essere chiamato ‘fratello universale’».

Ed aggiunge: «Egli ha amato, aiutato e servito i bisognosi, i malati e i poveri; si è pure preso grande cura della creazione».

Il tema che quest’anno il Papa propone alla riflessione di musulmani e cristiani è «la promozione del mutuo rispetto attraverso l’educazione».

«Rispetto – osserva il Santo Padre – significa un atteggiamento di gentilezza verso le persone per cui nutriamo considerazione e stima. Mutuo, significa che questo non è un processo a senso unico, ma qualcosa che si condivide da entrambe le parti. Ciò che siamo chiamati a rispettare in ciascuna persona è innanzitutto la sua vita, la sua integrità fisica, la sua dignità e i diritti che ne scaturiscono, la sua reputazione, la sua proprietà, la sua identità etnica e culturale, le sue idee e le sue scelte politiche».

Nel messaggio, Papa Francesco lancia quindi un invito molto chiaro: «Siamo chiamati a pensare, parlare e scrivere dell’altro in modo rispettoso, non solo in sua presenza, ma sempre e dovunque, evitando ingiuste critiche o diffamazione. Per ottenere questo scopo, hanno un ruolo da svolgere le famiglie, le scuole, l’insegnamento religioso e ogni genere di mezzi di comunicazione sociale”.

Il Papa richiama a questo punto il dialogo interreligioso «specialmente tra cristiani e musulmani: Siamo chiamati – dice il Papa – a rispettare la religione dell’altro, i suoi insegnamenti, simboli e valori. Uno speciale rispetto è dovuto ai capi religiosi e ai luoghi di culto. Quanto dolore arrecano gli attacchi all’uno o all’altro di questi!».

Ma per poter giungere al mutuo rispetto occorre educare e formare soprattutto i giovani affinché sappiano «pensare e parlare in modo rispettoso delle altre religioni e dei loro seguaci, evitando di mettere in ridicolo o denigrare le loro convinzioni e pratiche».

«Vi porgo, infine, – conclude il messaggio Papa Francescoi miei migliori auguri e preghiere affinché le vostre vite possano glorificare l’Altissimo e arrecare gioia a coloro che vi circondano. Buona festa a tutti voi!».

photo credit: lyonora via photopin cc

Stampa articolo

Redazione

Notizie Migranti è un coraggioso esperimento di giornalismo interculturale. Il progetto nasce nel 2010, in un periodo di razzismo strisciante che impedisce la convivenza civile tra persone di culture diverse si è voluto dare vita ad una informazione, con la presenza in redazione anche di giovani migranti, che affronta il tema immigrazione come risorsa e non come problema, che evita toni sensazionalistici e allarmistici trattando i cittadini stranieri come soggetti e mai come oggetti.