UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

Ha vinto l’arte! Dopo 323 giorni i Grup Yorum tornano a suonare

+++ AGGIORNAMENTO 07.05.2020 ORE 15.20
Ibrahim Gökçek non ce l’ha fatta, è morto oggi in ospedale ad Istanbul +++

Grup Yorum ha vinto la sua battaglia: la nota band turca potrà ricominciare a tenere concerti e vendere i propri dischi, dal momento che la magistratura ha deciso di revocare l’interdizione che l’aveva colpita nel 2016.

La decisione ha spinto quindi il bassista del gruppo, Ibrahim Gokcek, a interrompere lo sciopero della fame a oltranza iniziato 323 giorni prima per protestare contro questo divieto.

Ibrahim Gokcekten
Ibrahim Gokcekten

«La nostra resistenza ha ottenuto una vittoria politica – ha dichiarato Gokcek, annunciando così che il tribunale di Istanbul ha accolto la richiesta del gruppo di poter tornare ad esibirsi.

Una “vittoria” che però ha un sapore amaro: tra il 3 e il 25 aprile, la cantante Helin Bolek, 23 anni, e il suo collega Mustafa Kocak di 28 hanno perso la vita.

Entrambi si sono lasciati morire di fame, la prima nella sua casa, il secondo in carcere, dove stava scontando una condanna all’ergastolo per vendita di armi a un movimento terrorista. Un’accusa contro cui, stando ai suoi legali, la procura di Istanbul non avrebbe avuto prove concrete.

Stando alla stampa locale, un gruppo di deputati di opposizione, attivisti e fan della band si sono riuniti, mercoledì mattina, davanti la casa del bassista Gokcek per manifestare la propria solidarietà.

«La vita ha vinto – ha dichiarato Sebnem Korur Fincanci, il presidente della Human rights foundation of Turkey (Tihv)Avevamo  detto che le loro richieste erano le nostre richieste. Abbiamo lottato per creare un mondo in cui possano cantare liberamente le loro canzoni popolari, e non intendiamo porre fine a questa battaglia» ha aggiunto il presidente dell’associazione.

All’origine della messa al bando del gruppo rock folk, il carattere politico dei suoi testi attraverso cui, in particolare, veniva contestato il governo del presidente Racep Tayyip Erdogan.

Da qui nel 2016, la decisione delle autorità turche di includere la band nella lista dei movimenti sovversivi e terroristi, con il conseguente arresto di diversi suoi membri.

I Grup Yorum però non si sono arresi e hanno deciso di lanciare uno sciopero della fame a oltranza per rivendicare il diritto alla libera espressione del pensiero e per chiedere il rilascio dei detenuti di coscienza.

In Turchia, dal fallito golpe dell’estate 2016, le associazioni per i diritti umani denunciano una stretta ai diritti e alle libertà individuali da parte dell’esecutivo, con l’arresto di migliaia di persone tra oppositori politici, dissidenti, intellettuali, giornalisti e attivisti.

Agenzia DIRE

Stampa articolo
Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares