UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

Ue preoccupata: Democrazia a rischio in Turchia

A esprimere tutta la sua preoccupazione sulla situazione dei sindaci in Turchia, è il Presidente dei poteri locali e regionali del Consiglio d’Europa, Anders Knape, che ha parlato di un vero e proprio “indebolimento dell’autonomia locale nel Paese”.

Knape fa riferimento alla ricezione di informazioni secondo le quali, durante la pandemia dovuta al diffondersi del COVID-19, sta avvenendo “la sostituzione” dei sindaci eletti nella parte sud-est del Paese con “amministratori nominati dallo Stato”. Il numero dei sindaci eletti il 31 marzo 2019 e ancora in carica è drasticamente ridotto, mentre sale il numero delle “persone nominate dallo Stato”.

Il Presidente ha definito l’uso eccessivo di procedimenti legali contro i rappresentanti locali eletti e la loro stessa sospensione, come “un affronto a chi si candida per elezioni libere e eque”, oltre che una “grave e permanente minaccia al corretto funzionamento della democrazia locale in Turchia”.

Knape ha concluso dichiarandosi in attesa della pubblicazione avente per esito il parere legale richiesto alla Commissione di Venezia del Consiglio d’Europa e riferito ad alcune “decisioni riguardanti i candidati eletti e i sindaci, decisioni prese dopo questa votazione nel Sud-Est della Turchia”.

Il Presidente del Congresso si era già espresso con durezza a dicembre, a seguito dell’arresto del sindaco del distretto di Urla, nel distretto di Izmir, Burak Oguz, arresto disposto nonostante l’elezione avvenuta dietro manifesta espressione della volontà del popolo turco. Una sorta di ormai divenuta prassi che rischia di “minare gravemente la scelta democratica dei cittadini turchi”.

Stampa articolo
Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares