UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

[GALLERY] Migranti ripuliscono l’Oasi dei Variconi

CASTEL VOLTURNO – Centinaia di immigrati e rifugiati hanno partecipato sabato mattina all’iniziativa “Spiagge pulite: il nostro biglietto da visita“, promossa dall’Associazione R.E.S (Rete Elaborazione Sociale) di Castel Volturno, dal centro sociale Ex-Canapificio di Caserta e dal Movimento dei Migranti e dei Rifugiati.

Una giornata all’insegna della legalità, del rispetto per l’ambiente e della partecipazione.

Soprattutto quella degli immigranti, che muniti di guanti e di buste nere hanno ripulito l’Oasi dei Variconi, una delle ultime aree umide d’Italia, riconosciuta Zona a protezione speciale per il passaggio di uccelli migratori che dall’Africa vanno a nidificare in Europa , abbandonata da anni nel degrado e nell’incuria.

Diverse le tonnellate di immondizia raccolta e più di 700 le buste colme di rifiuti correttamente differenziati.

Alla manifestazione hanno preso parte anche alcuni commercianti della città che hanno messo a disposizione l’acqua, ed esponenti del Centro Fernandes e dei Padri Comboniani che non hanno voluto far mancare la loro presenza.

Il Movimento dei Migranti e dei Rifugiati – ha spiegato Mimma D’Amico del centro sociale Ex-Canapificio da sempre impegnato nel riconoscimento dei diritti degli immigrati – continua a costruire la nuova cittadinanza a partire da gesti concreti. Gesti come questa manifestazione che ha visto più di 500 immigrati lavorare insieme ad alcuni esponenti di associazioni locali, per ripulire l’Oasi dei Variconi , teoricamente protetta da Convezioni Internazionali ma in realtà lasciata a se stessa da anni. Oggi qui ci sono gli stessi immigrati e rifugiati che si sono mobilitati un mese fa a Napoli e a Caserta, insieme ai disoccupati e ai giovani precari, per chiedere la cancellazione della Bossi-Fini, una una legge sul salario sociale e corsi di formazione professionale”.

Soddisfatto anche Ciro Scocca, presidente dell’Associazione R.E.S che ha dichiarato: “Eravamo tutti insieme per combattere pregiudizi, indifferenza e razzismo e lavorare per rendere migliori i luoghi più degradati del nostro territorio. Perché anche con la bellezza si combatte la camorra.”

Stampa articolo
Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares