UA-93836102-3 Press "Enter" to skip to content

Cinque Giorni a Impatto Zero: A Napoli lo scambio interculturale sullo sviluppo sostenibile

NAPOLI – In corso “Cinque Giorni a Impatto Zero” uno scambio interculturale sullo sviluppo sostenibile e le politiche ambientali che vede coinvolto giovani della Campania e del Regno Unito.

L’iniziativa, co-finanziata da Programma Europeo Gioventù in Azione, è promossa dall’AIG(Associazione Italiana Alberghi della Gioventù), in collaborazione con il Forum Regionale dei Giovani della Campania, Zero Waste Italia e le Associazioni britanniche Hostelling International e UK Youth Climate Coalition.

Nelle prime due giornate, i partcipanti hanno imparato a conoscersi, tramite attività di icebreaking, e a conoscere le realtà promotrici dell’iniziativa e in primis l’AIG, associazione da sempre attiva per la promozione di un turismo etico e sostenibile.

Nella prima giornata del percorso, i partecipanti, sono stati divisi in gruppi territoriali per una prima analisi dello status dello sviluppo sostenibile e delle politiche ambientali nei rispettivi territori, evidenziando principali problematiche, risorse e possibili soluzioni.

I giovani casertani, in particolare, si sono in particolar modo soffermati sul Litorale Domitio, sulla Raccolta Differenziata, sull’Inquinamento Atmosferico e sull’Inquinamento Agricolo. Mentre si parlava di possibili soluzioni si è parlato anche di best practices come NCO (Nuovo Commercio Organizzato), in riferimento all’inquinamento agricolo, e la Libreria “Il Dono” in riferimento alla raccolta differenziata.

Tra i giovani napoletani, si è parlato soprattutto di trasporto pubblico, mobilità sostenibile e valorizzazione del patrimonio artistico, culturale e ambientale. Tra i giovani salernitani si è parlato in particolare della risorsa mare, della risorsa paesaggio e delle associazioni attive per la loro tutela.

Infine, i giovani provenienti dalle province di Avellino-Benevento, si sono concentrati sul tema dell’afflusso turistico e quello delle biomasse.

Interessante anche la prospettiva dei giovani provenienti dal Regno Unito che hanno presentato i punti di forza e di debolezza, in materia di sviluppo sostenibile e politiche ambientali. Per i giovani britannici tra i punti di forza vi sono la presa di coscienza delle problematiche e la risposta da parte delle amministrazioni locali, una “cultura del premio” e un vero e proprio rating della percentuale di riciclaggio, la diffusione dei prodotti a km0 (biologici), l’azione giovanile supportata da adeguati stanziamenti di fondi. Tra i punti di debolezza, i britannici, hanno invece annoverato la crisi finanziaria e la conseguente riduzione di fondi per i giovani, l’aumento dell’uso di bio gas, l’aumento della concorrenza ai prodotti locali a causa dei prodotti importati da paesi emergenti dove il costo del lavoro è più basso.

I giovani dell’associazione “UKYouth Climate Coalition” nella seconda giornata hanno poi tenuto un workshop in cui hanno cercato di trasmettere ai giovani campani, dei metodi utili per analizzare il fenomeno e articolare adeguate campagne di comunicazione.
Dopo i primi momenti introduttivi e conoscitivi, “Cinque Giorni ad Impatto Zero” entra nel vivo. I giovani partecipanti incontreranno Libera Napoli, Legambiente Napoli, Zero Waste e Coldiretti, nonché le istituzioni locali, per avere un’ulteriore quadro sulla situazione locale e ulteriori elementi per avviare la progettazione di una serie di proposte ed effettuare la simulazione di un Consiglio Regionale sulle tematiche ambientali

Stampa articolo

Parliamone...

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares